“La mente e’ come un bambino” di Radhanath Swami

Meaning-Of-Hare-Krishna-Mahamantra-300x209

Krishna spiega nella Bhagavad Gita “Ovunque vaghi la mente a causa della sua natura instabile, deve essere sicuramente ricondotta sotto il controllo del se’”.
La mente è un bambino piccolo. La natura del bambino piccolo è di mettersi nei guai. Un mio amico mi raccontava di questo bambino piccolo che aveva appena imparato a correre, e lui e sua moglie cercavano in ogni modo di proteggere la stanza. Gli presero giocattoli soffici per farlo giocare, e tanti bei lettini su cui farlo stare. Ma un giorno quando entrarono nella stanza videro che il bambino stava giocando con un coltello affilato. Come ha fatto a trovare un coltello? Perché ha scelto proprio un coltello tra le migliaia di cose nella stanza? Perché è la natura del bambino. Oggi tante case automobilistiche stanno facendo finestrini che si abbassano solo fino a metà perché tantissimi bambini si buttano dal finestrino mentre la macchina è in moto. Ci sono tante cose belle nella macchina, ma il bambino sceglie di lanciarsi dal finestrino! Così la natura della madre è che ovunque il bambino corra, in qualunque situazione pericolosa si metta, lei lo riporta al sicuro.
La nostra intelligenza è come la madre e la mente è come il bambino. Quindi l’intelligenza deve riportare indietro la mente. Immagina che meditare sui Santi Nomi sia la situazione più sicura. Bhaktivinoda Thakur, un santo del 19esimo secolo diceva: “Ho osservato e considerato i quattordici sistemi planetari, e la mia conclusione è che il posto più sicuro che ci sia è il canto dei Santi Nomi”. Ma quando ci sediamo e cantiamo, la mente lascia quella sicurezza. Non dobbiamo scoraggiarci. Usando l’intelligenza la dobbiamo riportare indietro.

Chiudi il menu