“La scienza può dare prove sulla spiritualità?” di Radhanath Swami

SCI-SP

Domanda a Radhanath Swami: Abbiamo sentito che nell’induismo si può trovare se stessi attraverso la meditazione. Se più persone sviluppassero i giusti valori e seguissero il sentiero della spiritualità allora ci sarebbe più pace nel mondo. Perché non usiamo la scienza per provare che questo funziona davvero?

Radhanath Swami: La scienza e la tecnologia sono un potenziale di grande beneficio per l’umanità e gli esseri viventi, oppure un potenziale di devastazione. Dipende dall’intento nel cuore delle persone che le usano. Farò un semplice esempio: un coltello. Una persona che ha questo coltello può uccidere qualcuno, tagliargli la gola e portargli via tutto quello che ha. Così, se il coltello è in mano ad un ladro è distruttivo. Ma se lo stesso coltello è in mano ad un chirurgo, salverà una vita con compassione. Così il coltello è buono o cattivo? Il coltello è cattivo quando la persona che lo usa ha cattive intenzioni, ed è buono se la persona che lo usa lo fa in modo corretto. Il mondo funziona così.

Conoscenza, fama, forza, scienza e tecnologia hanno un grande potere, ma potremmo usare la scienza e la tecnologia con avidità, e inquinare l’ambiente facendo soffrire così tanti esseri viventi, inclusa tutta l’umanità, oppure le possiamo usare per creare benessere, prosperità e illuminazione.

Così, scienza e tecnologia, specialmente se armonizzate con principi spirituali universali, possono contribuire a dare un grande valore al mondo.

Il destino del mondo è davvero nelle mani degli studenti che vanno all’università ed imparano la tecnologia e la scienza, e questo destino è determinato dai valori, dal carattere e dallo spirito di compassione che queste persone hanno nel cuore. La domanda è se vogliamo essere parte del problema, o parte di una meravigliosa soluzione olistica.

Così, la pratica della meditazione, la pratica del canto dei nomi di Dio, di mantra, puja (adorazione), seva (servizio), sono tutti modi per mantenere in noi questo profondo stato di coscienza illuminato. Questo è il nostro vero potenziale. Ci sono molte ricerche mediche e scientifiche su come la meditazione agisce in modo davvero positivo sul cervello e sulle cellule del corpo. C’è una ricerca dettagliata sul canto del mantra Hare Krishna, su come agisce sulle cellule del cervello e sull’intero modo di pensare.

Quindi la scienza è bellissima se siamo belli, e la scienza è brutta se noi siamo brutti. Questa forma di educazione olistica con gli strumenti giusti può aiutarci a scoprire e compiere grandi cose in questo mondo.

Dovremmo anche educare noi stessi a fare questi collegamenti e condividerli e viverli con carattere, con i giusti valori, con gratitudine e umiltà.

 

Chiudi il menu