“La nostra intenzione è il nostro successo” di Radhanath Swami

smriti3

Questo è un tema fondamentale trattato nella Bhagavad-gita. Nelle nostre parole, nei nostri pensieri, e specialmente nelle nostre azioni dobbiamo essere felici nella nostra intenzione di fare del nostro meglio. Da una prospettiva spirituale questo è il successo. Se stiamo davvero facendo la cosa giusta, nel modo giusto, questo ci nutrirà ed aiuterà le altre persone nel modo giusto. Questo di per sé è un successo. Non possiamo controllare il risultato, ma dobbiamo controllare le scelte che facciamo e la nostra intenzione.

Dunque yoga significa realmente fare scelte e coltivare intenzioni che siano salutari e benefiche per il nostro essere, e che agiscano nel bene dell’ambiente e delle altre persone. E dovremmo essere grati per questa opportunità. L’azione stessa e la motivazione che c’è dietro sono il nostro successo, indipendentemente dal risultato. In questo modo la nostra gioia e la nostra soddisfazione trascenderanno le apparenti azioni e reazioni di questo mondo. Nella Bhagavad-gita viene insegnato ad Arjuna che non è importante vincere o perdere. Onore, disonore, felicità, sofferenza, successo, fallimento, salute, malattia, vita, morte…tutte queste dualità giocano tra di loro in questo mondo, ed abbiamo un minimo di controllo della situazione, ma non molto. Lo yoga non è nel risultato, ma nella motivazione con cui agiamo, e nel modo in cui agiamo. Se siamo felici con ciò, allora la nostra felicità sarà qualcosa di molto profondo, su cui né le circostanze, né le altre persone potranno interferire.

 

Chiudi il menu